Posts contrassegnato dai tag ‘Albania’

[VIDEO]  Lui è Ermal Meta, talentuoso cantautore di origini albanesi e rivelazione assoluta del Festival di Sanremo 2016.
Insieme abbiamo trascorso una serata divertente in quel di Firenze, tra l’esibizione dal vivo e la nostra intervista, non ci siamo fatti sfuggire neanche i suoi fan riconosciuti come I Lupi di Ermal.

Annunci

Tirana La piramidaDa uno studio effettuato dall’European Migration Network, l’Italia risulta essere il fanalino di coda dei paesi europei in tema di studenti stranieri iscritti nelle università italiane. Se la media europea di studenti stranieri presenti delle varie nazioni dell’Europa raggiunge l’ 8,6%, in Italia la situazione è completamente diversa, infatti, nel bel paese la percentuale raggiunge a malapena il 3,8% del totale, ovvero 1 studente su 26 non è cittadino italiano.
A frenare in maniera considerevole l’iscrizione presso le università italiane degli studenti stranieri è particolarmente la burocrazia con la quale essi si devono confrontare una volta arrivati in questo paese. Il mancato riconoscimento dei titoli di studio conseguiti nel paese d’origine, la poca disponibilità dei servizi abitativi messi a disposizione degli studenti e le difficoltà lavorative per far fronte alle spese e al mantenimento degli studi, allontanano sempre di più gli studenti esteri dalle facoltà italiane.

Circa il 60% degli studenti che non hanno accesso alla borsa di studio, si arrangiano lavorando nella maggior parte dei casi a nero, sfruttati dai datori di lavoro che conoscono bene la necessità di un impiego per questi ragazzi. Il 59.3% degli studenti non italiani afferma di voler rientrare nel proprio paese una volta terminato il percorso di studi, mentre il 40.7% intende rimanere in Italia con la speranza di poter crescere ed affermarsi a livello lavorativo.

Dei circa 100-110 mila studenti stranieri che ogni anno decidono di raggiungere l’Italia con lo scopo di svolgervi i loro studi, circa il 10% provengono dall’Albania.
Nel 2012 gli studenti albanesi presenti erano 11.802, collocati soprattutto nelle università di Bologna, Firenze e Roma. Nella città dantesca sono oltre 1.000 gli studenti provenienti dal paese delle aquile, molti di essi oltre a studiare, lavorano part-time per poter sostenere le tasse universitarie.

Questi ultimi anni hanno visto il ritorno in patria di un numero considerevole di immigrati albanesi residenti in Italia. Per capire meglio questa scelta, abbiamo deciso di fare due chiacchiere con Armando Ormeni, giovane ragazzo albanese neo laureato presso la Facoltà di Architettura di Firenze, il quale dopo aver terminato gli studi e dopo 13 anni di residenza in Italia, ha deciso di rientrare nel paese d’origine con la speranza di poter contribuire alla crescita dell’Albania.

Caro Armando, quanti anni hai e da quanti anni risiedi in Italia?
Ho 27 anni e risiedo in Italia da 13 anni, sono giunto in questo paese nel 2001 insieme alla mia famiglia. (altro…)

La storia di Refiela non è la solita storia delle tante fashion blogger che con l’avvento di internet spopolano in rete.
Lo spazio che gestisce sul web riguarda principalmente la moda, anche se il messaggio che la blogger vuole far passare non è semplicemente quello delle nuove tendenze, ma riguarda qualcosa di più importante.

refelaLa storia di questa giovane ragazza, la quale è anche un aspirante stilista, riesce a far riflettere le persone su quello che è il vero valore della vita, il vero valore di un sorriso o di essere ottimisti giorno dopo giorno.
Refiela ha avuto un incidente stradale da bambina. Ma ha sempre trovato le forze per continuare la propria vita con lo stesso entusiasmo di sempre, senza mai farsi influenzare dai danni  riportati dopo l’episodio tragico avvenuto più di dieci anni fa.

L’incidente l’ha segnata per sempre, ha segnato non solo la sua vita, ma anche la vita dei suoi familiari. Dopo il tragico evento, la giovane ha dovuto trascorrere dodici giorni di coma e successivamente un lungo periodo in una sedia a rotelle, ma grazie alla forza di volontà e alla determinazione, oggi può tranquillamente camminare con le proprie gambe.

Oltre alle difficoltà dovute all’incidente stradale, nell’intervista a noi rilasciata, la giovane blogger racconta anche la sua vita da ragazza di seconda generazione cresciuta in Italia. Si, perché Refiela, nonostante la sua fresca cittadinanza italiana, non si è scordata le difficoltà ed i tristi episodi che ha dovuto trascorrere nel “Bel Paese”.

Intervista completa ProspettiveAltre:

1467318_10201557949845286_1049445427_n

Quella mattina andai davanti alla sede del Parlamento per assistere alla manifestazione nata un po’ spontanea contro l’importo delle armi chimiche siriane in Albania.

Il tema riguardante la demolizione delle armi chimiche del regime di Assad veniva trattato ormai da tutti i media internazionali da quando gli Usa e la Russia trovarono la soluzione per evitare l’attacco militare da parte degli americani chiedendo al regime siriano la consegna di tutte le armi chimiche.
Per la prima volta le armi chimiche di un paese dovevano essere trasportate altrove per essere distrutte e non in loco, in quanto in Siria la tensione ancora altra tra i ribelli e le forze armate, non avrebbe garantito una sicurezza nella demolizioni di queste armi pericolose.

Era risaputo che gli Stati Uniti e l’OPAC, l’organizzazione per il bando delle armi chimiche, esercitavano una forte pressione nei confronti del governo albanese affinché le armi siriane venissero introdotte nel paese delle aquile, ma a due settimane di distanza dalle prime notizie apparse sulle più importanti testate giornalistiche internazionali, il Governo Rama non si era mai espresso e non aveva dichiarato niente in pubblico, aumentando così la rabbia nei confronti della popolazione. (altro…)